sabato 8 settembre 2018

Se la sono fatta nelle mutandine

Dunque, si sostiene che quella dei gialloverdi sia tattica, e come dubitarne? Non è forse vero che nelle file di questo santo governo della riscossa nazionale militano personaggi del calibro di Borghi, Bagnai e Barra Caracciolo? Una tattica portata avanti da due partiti che hanno ottenuto consensi giocando sulla corruzione e sui migranti, e solo in piccola parte, peraltro contraddittoriamente, sul tema dell'euro e dell'UE, senza mai prendere veramente posizione né per l'uscita dall'euro né per quella dall'UE. Figuriamoci per l'uscita dal liberismo!

Ma ammettiamo che davvero i gruppi dirigenti gialloverdi, davanti all'impossibilità di conquistare il necessario consenso giocando esplicitamente la carta dell'italexit, abbiano adottato una strategia che puntasse alla pancia dell'elettorato, appunto la corruzione e i migranti. Se così fosse, dovremmo pensare che esistono ben due classi dirigenti (m5s e Lega) le quali vogliono davvero l'italexit, e che abbiano nascosto questo intento per non spaventare troppo l'elettorato, seducendolo al contempo con argomenti di maggiore efficacia; e che ora le suddette classi dirigenti non stiano facendo altro che proseguire nella loro strategia, e dunque avanzano con cautela nel campo minato che l'oligarchia eurista ha predisposto sul cammino dell'italexit. Capito perché il disavanzo sarà del 2%?

Ovviamente ci viene chiesto di fidarci. Ma scusate, se queste classi dirigenti sono state così abili nel dissimulare il loro vero intento, il che fa pensare che si siano incontrate e coordinate ben prima delle elezioni del 4 marzo 2018, perché hanno ritenuto necessario cooptare non solo Claudio Borghi (ce sta) e Alberto Bagnai (avoja se ce stà... Illo naturalmente ce stà) ma perfino Luciano Barra Caracciolo?

Che bisogno c'era di far entrare LBC nel governo, e dunque tacitare la voce più prestigiosa nella difesa della Costituzione? Non hanno pensato, le raffinatissime classi dirigenti gialloverdi che stanno complottando per l'italexit, che cooptare LBC in una fase in cui è necessario agire con tattica sopraffina onde evitare lo scontro frontale coi poteri euro-oligarchici, avrebbe significato scompaginare il campo dei più decisi e appassionati, oltre che preparati, sostenitori della riconquista della sovranità nazionale?

Pare proprio di no, le raffinatissime classi dirigenti gialloverdi non ci hanno pensato. Il che significa, quanto meno, che tutti quelli che in questi lunghi sette anni si sono spesi per divulgare, organizzare, approfondire, insomma per dirla alla romana si sono fatti un mazzo così, non contano un cazzo.

Ora vi chiedo: vi pare credibile una simile ricostruzione?

Toc... Toc... Toc... permesso? Posso offrirvi una spiegazione diversa? Eccola:

Quando sembrava che a fare gli anti euro ci fosse da guadagnarci, alcuni hanno sgomitato per mettersi in prima fila, anche facendo fuori i loro potenziali concorrenti con metodi violenti e volgari, e ci sono riusciti. Quando però hanno visto avanzare le potenti schiere dell'avversario se la sono fatta nelle mutandine.

Tre minuti appassionanti:

22 commenti:

  1. Non ci sto a capire più una mazza, Fiorenzo.
    Figurati che elucubrando ieri sera, respirando i vapori di uno schioppettino, ero arrivato addirittura al sospetto che in realtà chi voleva portarci fuori dall' euro era Renzi, che fino alle elezioni aveva dissimulato meglio di tutti.

    Però ESSI ( proprio quegli stessi Essi di LBC ) devono aver cominciato a capire qualcosa fin da quando Renzi aveva deciso di togliere le bandiere della UE dalle sue spalle e allora? … e allora ESSI ( sempre quelli ) hanno montato questi qua che hanno dissimulato benissimo facendo credere a tutti che non ci voleva nulla ad uscire dall' euro…
    ...insomma il sospetto che ci abbiano fregato è forte.
    il Paese è in ripresa, la situazione sta migliorando i consensi crescono nonostante sia tornato in auge il vecchio motto leghista " ognuno padrone ( o era ladrone?) a casa propria ",i 5 stelle nei fatti sposano la riforma Lorenzin ed il piano Calenda sull' ILVA accollandosene i meriti, ah dimenticavo i meriti di Minniti
    .

    Laggente è contenta, ha sia nemico interno che esterno da incolpare per quello che è successo e che magari accadrà ancora per qualche anno e secondo te proprio adesso che tutti so contenti questi dovrebbero farci uscire dalla UE? dichiarare nei fatti un default proprio nel momento del ciclo economico in cui nonostante l' euro stiamo accumulando avanzi commerciali mostruosi?


    Sono ESSI mica fessi.

    RispondiElimina
  2. Infatti, qui in Veneto, il quarto partitino degli industriali, quelli che piacciono tanto ad Illo, perchè piccolo è bello ,sta cominciando a sparare a zero sul governo gialloverde

    RispondiElimina
  3. Ciao Fiorenzo penso sia molto più credibile la tua seconda spiegazione. Che dire, faccio fatica a trovare le parole, da queste ultime esternazioni di LBC si rafforza sempre di più in me la convinzione che per selezionare una classe dirigente non sia più sufficiente la sola competenza, ma ci vogliono anche altre qualità: la coerenza, la capacità di rinuncia di parte delle proprie soddisfazioni professionali per difendere i propri valori e le proprie idee, il coraggio, l’entusiasmo, la passione e soprattutto la FEDELTA’ a se stessi. Se ci affidiamo solo ai Curriculum Vitae siamo perduti.
    Ti racconto una piccola storia personale: alle medie mi trovavo sovente nelle retrovie del gruppo, se non addirittura qualche volta disperso fra le ammiraglie in giornate nebbiose. Però fra le mie caratteristiche, quando nessuno se lo aspettava, c’era la capacità di risalire il gruppo e andare in fuga da solo come l’airone Fausto Coppi. Un giorno svolsi velocemente il compito di matematica, poi per rivincita personale, passai la brutta copia al primo della classe che si trovava in difficoltà. Nel momento che mi restituì la brutta copia fummo sorpresi dall’insegnante, la quale credette alla sua versione che era quella di avermi lui passato il compito, famoso com’era di non passare mai nulla a nessuno, ne compiti e ne merendine ( per accertare la verità sarebbe bastato guardare di chi era la scrittura della brutta copia e controllare se la mia bella copia era già fatta, ma l’insegante si rifiutò di vedere la mia bella copia con il compito già fatto. ) . Lui prese 8 io 2 lui fece una brillante carriera di avvocato, io certamente non ho fatto nessuna brillante carriera. Domanda: fra i tre soggetti chi avrebbe difeso meglio l’INTERESSE GENERALE del Paese? Ognuno tragga la propria morale.

    RispondiElimina
  4. Sono sbigottito. Avevo fiducia in Luciano Barra Caracciolo e anche di Alberto Bagnai. Infine la posizione di Sollevazione mi lascia incredulo. Nel post TAQIYYA di Moreno Pasquinelli sembra che si accetti tutto facendolo passare per scelte tattiche del governo per riuscire, al momento opportuno, ad assestare il colpo mortale all'Euro e uscirne definitivamente senza incontrare grossi ostacoli da parte dell'Unione Europea. Non so che dire. Sono sfiduciato e avvilito.
    Non vedo come se ne può uscire.

    RispondiElimina
  5. Molti mi scrivono, anche in privato, per dire che chi ricopre ruoli istituzionali è obbligato alla prudenza. Con ciò sostengono la tesi del migliore dei mondi possibili nelle circostanze date. Ma io, che sono un cafone di paese, questa storiellik non me la bevo, mi spiace. Passi per Borghi, che ha sempre criticato l'euro dal versante liberista ed era da tempo nella Lega, quella di rito maronista per intenderci, ma che Bagnai e soprattutto LBC stiano in un governo che fa quello che è sotto gli occhi di tutti, ebbene questa è una cosa francamente insopportabile. Forse ha ragione Ippolito quando dice che Renzi era più anti-euro di questi!

    In ogni caso io, che vi ricordo sono un cafone di paese, penso che a un certo punto si sono mossi poteri veramente forti, del tipo di quelli che convocarono Beppe Grillo all'ambasciata in via Veneto, do you remember? E penso che questi poteri abbiano utilizzato una tecnica persuasiva molto comune, che chiamerò "tormento ed estasi", che funziona così: se non fai come diciamo noi ti tormentiamo in modo orribile, ma se fai quello che vogliamo ti regaliamo l'estasi. Per questa ragione il sentimento che provo nei confronti del gatto e la volpe del sovranismo dei competenti (daje a ride) è l'umana pietà. Vorrei vedere voi a scegliere tra un punteruolo in un occhio e tipe come queste a rotazione perpetua.

    Per questo servono i partiti di massa, quelli che nascono piccoli e, poco a poco, diventano grandi. Per fermare i partiti di massa servirebbero troppi punteruoli, e soprattutto di tipe di un certo tipo non ce ne sarebbero abbastanza!

    Dimentichiamoci di AB e di LBC indirizzando loro il sempre verde (daje a ride) invito: annatevene affanculo! e cominciamo a costruire tanti piccoli partiti di massa. Insomma, facciamo la nostra piccola parte nel grande disegno dell'universo, senza pretendere chissà che. Ricordiamoci che dobbiamo morire, e che sul letto di morte la vera consolazione, per chiunque, sarà quella di aver fatto la cosa giusta. Vale anche per il gatto e la volpe del sovranismo dei competenti (daje a ride).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad integrazione di quanto testé affermato: è ovvio che AB&LBC vanno attaccati politicamente. Ma solo per salvare tanti innocenti dal precipizio morale e politico nel quale rischiano di finire, dunque senza nessun rancore nei loro confronti. €SSI sono uomini, deboli e indifesi, che sono stati attaccati da forze immensamente superiori alla loro capacità di resistere, ed hanno ceduto. Parce sepultis.

      Quello che deve farci riflettere è invece la domanda: perché questi poteri hanno tanto a cuore l'uccisione del sentimento patriottico nel nostro amato paese? Perché è così importante portare a termine questo delitto ideale?

      Elimina
  6. A mio modestissimo avviso, allo stato attuale, bisogna ragionare come se li avessimo perduti. E cercare di fare in modo di non buttare via gli ultimi 7 anni. Vedo che qualcosa si muove a sinistra. Da senso comune a Fassina…. Lo so, lo so….. Ma a questo punto è bene che ci si muova. Anche perché c'è comunque da togliere di mezzo il PD. Altrimenti torna come Neo Democratia in Grecia. Bisogna ragionare e muoversi per conto nostro. Alle europee mancano 9 mesi circa. Non si può più delegare. Tanto sappiamo una cosa. Dentro l'euro siamo semplicemente morti da qui a 5 anni. Anche perché possono fare qualcosa per vivacchiare, ma prima o poi o una recessione o qualche altro casino si mangia un bel po' di crescita. E se ci mettiamo anche la pochissima crescita che potremmo avere e Trump che vuole azzerare (ce la farà?) il deficit della bilancia commerciale… Beh… Il futuro è fosco. Soprattutto per questa maggioranza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dexxo, non sono d'accordo. Io penso che le elezioni europee non dobbiamo filarcele di pezza, così come penso che il problema principale non sia la fame, cosa alla quale la gente si abitua, ma la vergogna di essere un popolo sottomesso.

      Elimina
    2. Più che altro queste elezioni le vedo come aspetto organizzativo, per cominciare battere sul ferro. Perché alla fine, fino ad ora, nessun sovranista di sinistra è mai entrato nell'arena. Bisogna porsi qualche obiettivo intermedio per temprare un po' e dare qualche segnale. Altrimenti si ragiona tanto e non si conclude niente.

      Elimina
  7. Ho scorso un po' i Tweet di Bagnai questa sera… Lo vedo un po' nervosetto sull'iniziativa del convegno Patria e Costituzione… Stranamente o no? Ho visto anche che ha ritwettato un commento sgradevole su Melenchon… Credo che questo chiarisca qualcosa sul nostro e la sinistra. Beh… Credo che a questo punto la strada sia obbligato. Come ho scritto nel commento precedente. Nessuno ci trarrà d'impaccio. Meglio chiarirselo subito. A proposito, è ripartita alla grande con Russo Spena la campagna contro i rossobruni (se mai si fosse fermata).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah guarda, se fosse per far venire un travaso di bile al vate di Pescara allora potrei prendere in esame l'idea di partecipare alle europee... eh eh eh...

      Elimina
  8. Ciò la tersa media e forze dirò na fregnaccia ma il primo che apparlato amemi è sembrato un zacco più distinto di quello energumeno che apparlato pessecondo. Io a sti sovranisi lammazzerebbe tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zì, il primo l'è un omo molto più distinto, tranquillo e pagato, inzomma contento di zé. Pure io asti zovranisti lammazzerebbi a tutti.

      Elimina
  9. Caro Fiorenzo,
    anch'io sono un cafone di paese (Livorno), quindi ti comprendo benissimo, ma non riesco a condividere. Certamente, l'intervista di LBC su radio1 lascia molto perplessi, ma non mi é sufficiente per bollarlo come traditore e vigliacco.
    Secondo me LBC, il nostro vero guru (molto più di Bagnai), ha deciso di entrare nelle stanze del potere e di muoversi come una serpe. Avrà bisogno di capire bene tutti i meccanismi della macchina e tutti i personaggi che ci ruotano attorno. Nel frattempo, sicuramente, é più opportuno dissimulare le proprie reali convinzioni in attesa delle mosse vincenti. Sono certo che tu stesso ti auguri di sbagliarti e che sarà come dico io..... In caso contrario, lo vedremo....
    Un saluto
    s.g.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Salvatore, quanto vorrei che tu avessi ragione! Però, consentimi, il minimo che si possa dire è che LBC non abbia preso molto sul serio il suo ruolo di simbolo del sovranismo costituzionale, e già questo basta per sminuirlo ai miei occhi. Secondo te, non era più utile che preservasse questo ruolo, del quale è stato investito anche grazie all'impegno di moltissime persone che si sono spese a tal fine, piuttosto che ripetere l'esperienza di sottosegretario già fatta nel governo Berlusconi?

      Elimina
  10. Ma no ragazzi state calmi . Voi siete di zero peso politico,e di media caratura intellettuale, ne consegue che potete essere estremamente critici,e alcuni anche con il dente avvelenato,come avevo sospettato dal primo momento da quando leggo questo blog.Domanda rivolta a Fiorenzo :Ma tu credi che sia una cosa intelligente che LBC si esprima in una compagine governativa,alla stessa maniera della seconda parte del video ? Ma tu hai mai sentito Mattarella quando si esprime sull'Europa? Ma veramente si vuole creare una crisi istituzionale?
    Non basta già la magistratura che mette i bastoni fra le ruote a Salvini e di conseguenza al Governo? Comunque ho dedotto che già era scarsa la stima che
    avevate in primis, nonostante le vostre affermazioni contrarie,dei nostri LBC e AB.Non avete aspettato nemmeno una controprova del loro operato cazzo !
    Io se ho un amico che stimo, e vedo che si comporta in modo differente dal solito cerco di indagare le ragioni e fino a prova contraria non gli nego l'amicizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Barbato, per prima cosa le simpatie o antipatie qui non c'entrano nulla. Per dire, a me LBS sta simpatico perché è persona di gran garbo ed educazione, eppure lo critico aspramente per la sua scelta. La ragione è semplice: se mettiamo sui piatti di una bilancia, da un lato l'utilità marginale della sua partecipazione al governo, dall'altro quella di continuare a ricoprire il ruolo di punto di riferimento culturale e politico del sovranismo costituzionale, mi pare ovvio che la bilancia si incanta su questo secondo lato. In altre parole, LBC ha fatto un danno gravissimo al sovranismo costituzionale per andare a fare non so cosa di meglio di quanto potrebbe fare un qualsiasi altro tecnico. Peraltro neanche con un guadagno in termini stipendiali, visto che ha dichiarato per il 2018 un reddito di 178.000 euro.

      Se, e sottolineo se, la scelta di entrare nel governo è stata fatta in buona fede, è comunque un errore madornale. Spero solo che non si sia trattato di circonvenzione da parte di qualcuno molto più furbo di lui, che proprio questo obiettivo ha voluto così perseguire. Riuscendoci.

      Quanto ad AB, in questo momento non ho voglia di parlarne: sono sdraiato sotto un gazebo, al fresco, con la mente occupata da pensieri più seri.

      Stammi bene.

      Elimina
    2. A proposito di "zero peso politico, e di media caratura intellettuale".

      Ovviamente parlo per me. Dovendo scegliere tra il "peso politico" e le mie verità, non ho mai avuto dubbi: le mie verità. Agendo così, nel corso del tempo talvolta ho avuto torto, molto più spesso ragione, cosa che naturalmente non mi è stata mai riconosciuta... estiqaatzi.

      Quanto alla "caratura intellettuale"... estiqaatsi³

      Elimina
    3. Abbiamo un nuovo trilemma: peso politico, caratura intellettuale, caratura morale.

      Elimina
    4. @Gianni_Barbato

      Scusa la mia staratura culturale ma non è chiaro a cosa si allude quando scrivi: "Non avete aspettato nemmeno una controprova del loro operato cazzo !"

      Farei un paio di ipotesi.
      La prima è che per dissimulare agli occhi della quinta colonna ordoliberista in seno al governo, scavalcandola a destra, i nostri eroi si sono sottoposti al Brit Milà senile, cerimonia celebrata su una nave della flotta sorosiana.
      La seconda è che per amore del popolo sovrAno, dopo 20 anni nel PUDE, Salvini, secondo caso al mondo, si è sottodimensionato sotto, invitando i due a emularlo.
      http://www.ilgiornale.it/news/salute/primo-intervento-riduzione-pene-1094595.html ;

      Elimina
  11. Pensate che ESSI siano cretini? Ingaggiando i campioni noti e stimati del sovranismo costituzionale hanno preso due piccioni con una fava: 1°- li controllano essendo in gabbia; 2°- li hanno sputtanati agli occhi degli ex follower. Tutto ciò che ci dice? Che sono due piccioni. Che siano due aquile travestite mi piacerebbe ma ESSI non sono cretini.

    RispondiElimina